Menu

" Er Tevere sparito "


 ER TEVERE SPARITO 


Me sò affacciato n'giorno ar parapetto
de lungoTevere vicino a ponte Sisto
pe dà no sguardo ar fiume drento ar letto
e tu nun poi capì quello c'ho visto:

er fiume 'n c'era più, era sparito,
era rimasto solo un lungo fosso,
me strofinavo l'occhi, "so' ammattito"
urlavo a squarciagola, a più non posso.

Poi me ripresi e vidi tanta storia
da quella letta a quella raccontata
me riveniva sù pe la memoria
quello che nun c'è più da vecchia data

ho incominciato a vede armi romane
spade, scudi, archi e artre cose
resti de navi, remi e cose strane
pezzi de costruzioni più famose

L'oggetti che vedevo erano tanti
e i secoli passaveno co loro,
ecco li personaggi venì avanti:
c'è Cicerone, principe der Foro

poi tutti i Senatori su li scanni,
Imperatori, Duci e presidenti
c'hanno fatto la storia de tant'anni
eccoli lì, davanti a me presenti.

A 'n certo punto, però, me sento di':
Svejateve signò, sinnò cascate
er fiume è zozzo, ce se pò morì.
Io m'ero addormentato, ce pensate,
ma sò contento de quer sogno lì.

NELLO 19 OTTOBRE 1990

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto