Menu

" Pianta a Croce Latina o Greca ? "

Durante le nostre visite, entrando in chiesa sentite spesso dire " Pianta a Croce Latina " oppure a " Croce Greca ". Ci piace che il concetto vi sia chiaro, così vi pubblichiamo le due tipologie di pianta delle chiese, che vengono caratterizzate dall' incrocio ad angolo retto tra Navata centrale e Transetto. Nella croce Greca, troverete i quattro " bracci " di uguale misura. Nella Croce Latina, i due segmenti sono di misura diversa, quello più corto è circa tre quarti di quello maggiore. Nella maggior parte dei casi, nelle chiese di culto Cattolico la pianta è a Croce Latina. Buone passeggiate romane, sempre più preparati...sempre più amanti conoscitori della nostra fantastica Roma.

Leggi tutto...

" Chiesa di S. Francesco a Ripa "

Nella chiesa di San Francesco a Ripa, nel Rione Trastevere, venne ospitato nel periodo che andava dal 1209 al 1223, San Francesco d' Assisi. Visite periodiche al Papa, questo il motivo della presenza a Roma del Santo. Avvenne grazie al diretto interessamento di Jacopa dè Settesoli, che si occupò nel 1229 anche del restauro dell' intero complesso religioso. Jacopa dè Settesoli, a cui è dedicata la via adiacente a Piazza San Francesco d' Assisi. Fu data in moglie quando era giovanissima a Graziano Frangipane dè Settesoli, della nobile Casata romana dei Frangipane, proprietari anche della Torre della Moletta al Circo Massimo.

Leggi tutto...

" Beata Ludovica Albertoni "

A Roma ci sono chiese che contengono dei veri e propri tesori. Una di queste è la chiesa di San Francesco a Ripa. Nel Rione XIII; Trastevere. Consacrata nel 1701, appartiene ad un ordine di frati minori. Lo stile è decisamente Barocco, come Barocca è la meravigliosa " Beata Ludovica Albertoni ". Gian Lorenzo Bernini il suo autore, 1671/1674. La luce che entra lateralmente, è un ingegnoso studio Berniniano, già messo in atto con la stupenda " Estasi di Santa Teresa d' Avila ". La parete di fondo è arretrata, in modo tale da creare un effetto speciale, quasi soprannaturale. Sullo sfondo, una tela di Giovan Battista Gaulli, soprannominato " Baciccio ", in forte contrasto con la scultura, che sembra quasi voglia rappresentare la visione della Beata...
Una curiosità, a Napoli il famoso Street Artist " Banksy ", ha dedicato una sua creazione a questa meraviglia; ha dipinto lo stesso soggetto con la tecnica dello stencil, su un muro del quartiere " Spaccanapoli ", rendendola più al passo con i tempi moderni, aggiungendo quindi un panino ed un pacchetto di patatine in mano alla Santa; una denuncia dei tempi che viviamo, di forte consumismo e cibo spazzatura.

Leggi tutto...

" Chiesa di S. Gregorio ai quattro capi "

La chiesa di San Gregorio ai quattro capi, in Piazza Gerusalemme. Nel Ghetto Ebraico. Questa era la chiesa, dove gli Ebrei erano costretti ad ascoltare messa ed i sermoni officiati. Alcuni, per ribellione o dispetto, indossavano tappi di cera, per non ascoltare, con la speranza di non essere scoperti, altrimenti giù punizioni, severe, indescrivibili. Una curiosità...sapete perchè, nel dialetto romanesco, si dice " Sciamannato ", rivolto ad una persona, vestita con abiti sgualciti o messi indosso alla bene e meglio? Lo " Sciamanno ", era il velo, il drappo giallo, che gli Ebrei erano costretti ad indossare quando uscivano in pubblico, per essere riconoscibili. Un segno distintivo che li ghettizzava, li marchiava in maniera inconfondibile...i segni della storia, con i modi di dire, di uso comune ancora oggi.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS