Menu

Una giornata ad Ostia antica

Siete mai stati ad Ostia antica con Riccardo e Maurizio? Se la risposta è no, a tempo debito dovrete subito rimediare! Un luogo unico, che ci racconta la vita dei nostri antenati. In questo racconto del nostro Riccardo invece, la sua esperienza personale, nel giorno di ricognizione visita di qualche anno fa insieme al nostro "Oracolo". Buona lettura...

Una giornata ad Ostia antica

Ho sempre amato questo sito archeologico. Mi ricorda i tempi di scuola, anche ora a distanza di anni, tanti anni. Andare ad Ostia antica con Maurizio, vuol dire scoprire ogni angolo di questa antica città, punto nevralgico dei più grandi scambi commerciali ed altrettanto via vai di carri ed anime. Arriviamo con la metropolitana che da Porta San Paolo arriva ad Ostia Lido, il Mar Tirreno…noi scendiamo prima, alla fermata di Ostia antica; pochi minuti a piedi ed eccoci, entriamo. Appena il tempo di varcare il cancello, Maurizio comincia a raccontare, a descrivere le tombe, i colombari, si chiamavano così perché hanno proprio la forma dei nidi dei colombi. Piccoli piccoli, uno attaccato all’ altro. Poi ci sono le tombe “importanti”, quelle più lavorate, marmi pregiati e lavorazioni che ricordano la persona, a volte anche il mestiere; si, avete capito bene, era una forma di rispetto ed i parenti erano fieri di loro. Le troviamo percorrendo la Via Ostiensis, il basolato romano che parte da Roma, ai piedi della Piramide Cestia possiamo ancora ammirarlo in tutto il suo splendore, ricco di storia ed aneddoti, dentro le mura Aureliane che cingono il Cimitero Acattolico. Le tombe dovevano essere posizionate prima di entrare in città, il fulcro sacro. Qui ad Ostia antica, si trovano prima di varcare la Porta Romana; grandiosa struttura che soltanto in parte è rimasta in piedi. Prima di entrare però, vengo attirato da una tomba particolare, ha una cura nella lavorazione che mi affascina! E’ una tomba strigilata dice Maurizio…ed io, strigi che? Sapete, ai tempi della scuola pensavo a fare il marpione con le ragazze, pensa se potevo vedè la tomba strigilata! A Roma dicesi marpione, un ragazzo che si atteggia a bello, che sfodera le armi migliori per attirare l’ attenzione della bella della classe, insomma, per me la bella aveva capelli lunghi biondi ed occhi chiari, pelle tipo pesca e…insomma, una fata…sono sicuro che vi chiederete come andava a finire? Che io non vedevo la tomba strigilata, e la bionda mozzafiato con la pelle tipo pesca non vedeva me! Che amarezza, torniamo da Maurizio che è meglio. Lo strigile era un antico strumento con cui i nostri avi si detergevano, soprattutto dopo le fatiche sportive, una specie di falcetto arcuato, ricordiamoci sempre che le docce come le nostre ancora non esistevano. Superiamo Porta Romana, ora stiamo calpestando il Decumano Maximo, così viene definito il viale principale della città, una grande via che arriva ad incrociare il Cardo Maximo, un’ altra grande direttrice viaria, al cui incrocio con il Decumano forma il “Castrum”, il quartier generale militare, il punto più importante e nevralgico di tutta Ostia antica. Appena entrati nella grande porta, notiamo una grande fontana, un abbeveratoio; Immaginate la strada che dovevano fare con i carri trainati da animali, e quanta sete dovevano avere quelle povere bestie. Questa era la prima tappa, obbligatoria per non perdere quei fedeli colleghi di fatiche immani. Una volta riprese le forze, si andava a caricare o viceversa il materiale. Una serie di tabernae, una specie di nostri mercati generali, dove si vendeva, si conciavano pelli, insomma gli artigiani che si incontravano erano tanti dice Maurizio. Immaginare il gran via vai per noi è facile, anche se a vederla oggi, dobbiamo lavorare molto con la fantasia. Ci aiutano delle immagini che abbiamo con noi, che ci fanno vedere com’ era prima, così è tutto più chiaro! Arriviamo in un grande piazzale…davanti al teatro. Piazzale delle Corporazioni. Qui avveniva una sorta di fiera, i commercianti promuovevano le loro società, sia che si trattasse di trasporti navali, sia che le merci fossero create da artigiani dell’ epoca. Un grande traffico umano ed animale. Molto spesso, quasi sempre legato al mondo marittimo, trovandoci sulla bocca del fiume…”Ostium” questo vuol dire Ostia, bocca del fiume, foce del Tevere. Maurizio ha la stessa carica di quando siamo arrivati, io invece inizio ad essere stanco, il sole inizia a farsi sentire sulla pelle, ma che bello questo posto! Quando ci venivo con la scuola non era così; o meglio, ero io che non capivo quanto fosse bello questo posto, un luogo che ci racconta la storia di Roma, è legato a filo strettissimo con la città, anche perché questa era una grande città, non come Roma, ma comunque un sito strategico, sia commerciale che militare. Per pranzo ci siamo portati un panino; io lo mangio in un attimo, Maurizio tra un boccone e l’ altro continua a parlare, mi racconta…teatro è diverso da anfiteatro, quel “anfi” ti spiega tante cose! L’ Anfiteatro sono due teatri messi uno davanti all’ altro, infatti la radice è anfi che vuol dire doppio, ma anche tutto intorno, infatti quando andremo dentro l’ Anfiteatro Flavio, il Colosseo, potremo girare a 360° dentro, qui nel teatro no. Teatro ed Anfiteatro, capito? Guardo in lontananza, una struttura moderna, che dici Maurì, ci andiamo a prendere il caffè, o mi vuoi fare un simposio pure sulla scoperta del caffè? Sai nell’ antica Roma il caffè…sìììì ciao Maurì, ci vediamo al bar!

R.L.

Leggi tutto...

A passeggio sul Colle Oppio

E' la volta di Riccardo, che ci racconta un po di storia del Colle Oppio, di quella che era la più bella e ricca Domus dell' antica Roma. Nerone era colui che vi abitava, ma le persone che la frequentavano erano tantissime, compreso il popolo, pensate un po. Buona lettura, insieme a conosciAmo Roma.

"A passeggio sul Colle Oppio"

Bene, ora posso cominciare a vivere come un essere umano!
Questo esclamò il "principe" di Roma, entrando nella sua nuova Villa urbana.
Fu il grande incendio che devastò la città eterna, che diede il la al progetto ambizioso di colui che in quel periodo era Imperatore, di costruire una residenza degna del suo blasone. Correva l' anno 64 d. C. Sei giorni e sette notti di fiamme ininterrotte, che misero in ginocchio Roma intera. Il fuoco, elemento molto presente nel quotidiano dei nostri avi, visto che serviva per cucinare, scaldare, per illuminare, usato dentro le Terme pubbliche per scaldare l' acqua.
Una vasta area quella adibita a sontuosa dimora d' oro...la Domus Aurea!
Si parla di migliaia di metri quadri, una grandiosa estensione di terra, che alternava giardini a fontane, orti a boschi e vigne. Grandi feste si svolgevano al suo interno, così come vi era un' area adibita per incontrare il popolo romano.Pensate che Nerone fece creare addirittura un lago artificiale, con tanto di imbarcazioni, non vi erano limiti ai suoi progetti. Sapete dove si trovava questo lago poi prosciugato? Proprio dove ora svetta alto, imponente, magnifico, l' Anfiteatro Flavio...il Colosseo. La sua costruzione verrà avviata nel 72 d. C. Antistante il lago una “colossale” statua raffigurante l' Imperatore, la stessa altezza che poi in seguito avrà il Colosseo; la posizione è testimoniata ancora oggi dal basamento, i turisti distratti ci passano davanti, a volte anche sopra, ignari dei Secoli di storia e dei tanti personaggi che hanno calcato quel terreno. Circa quattro anni di costruzione, per costruire una villa, probabilmente mai portata a termine, che si estendeva su tre Colli, Palatino, Celio ed Esquilino.Gli storici raccontano che nel II Secolo la Domus Aurea, venne presa come esempio, per il suo alternare giardini immensi ad edifici, per la costruzione della bellissima Villa Adriana a Tivoli. 
Oggi della Domus Neroniana ne è rimasta soltanto una minima parte, ma i libri di storia hanno mille aneddoti su quella che fu una delle più ricche e fastose Residenze di Roma...la Casa d' Oro Imperiale.


R.L.

Leggi tutto...

arco di costantino

Sotto questo segno vincerai. Costantino in marcia con il suo esercito, ebbe una visione in alto, nel cielo. Un segno di buon auspicio che gli avrebbe fatto vincere la battaglia contro l' Imperatore Massenzio, nello scontro di Ponte Milvio. " In hoc signo vinces "...con questo segno vincerai. L' anno era il 312. 28 Ottobre 312. Infatti proprio così andò il corso della storia, ed il Senato romano, la più autorevole Assemblea Istituzionale dell' antica Roma, volle dedicare il maestoso arco, a Costantino il grande. Accanto al colossale Anfiteatro Flavio, potrebbe risultare piccolo; le misure invece sono di tutto riguardo...arriva a ventuno metri in altezza, ventisei di larghezza, sette metri e mezzo di profondità. Nel " Centro Storico di Roma ". Riconosciuto nel 1980, Patrimonio dell' Umanità dall' Unesco. Ad Maiora...

conosciAmo Roma

Leggi tutto...

patrimonio umanitario

40 anni fa. Nel 1979 l' Unesco assegnava il primo sito italiano da proteggere come " Patrimonio umanitario ". " Le incisioni rupestri della Valcamonica ". L' ultima è del 2019. Le colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. In totale sono 55, i siti italiani nella lista Unesco che arricchiscono il meraviglioso patrimonio mondiale. Tra questi, l' Anfiteatro Flavio...l' imponente Colosseo, insieme a tutto il centro storico della città eterna. Ormai dal 1980. Andiamone fieri. Sempre. Non a caso Goethe, quando lo vide la prima volta disse " quando si contempla una meraviglia simile, tutto il resto appare un'inezia. " 
Buone passeggiate romane a tutti.

conosciAmo Roma

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti (Contatore Histats)

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di trenta giorni.

Cookies
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. Viene utilizzato un cookie persistente solo a seguito di registrazione e riconoscimento utente nell’Area Personale unicamente allo scopo di permettere la fornitura di servizi riservata agli utenti registrati. L’uso dei cosiddetti cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente. Questo sito non utilizza cookie di profilazione.

Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di dati personali attraverso il modulo di registrazione al sito o l’invio di messaggi di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

Il titolare del trattamento.
Titolare del trattamento dei dati raccolti è l’associazione "ConosciAmoRoma" con sede in via delle Sette Chiese, 1921 – 00145 Roma, contattatibile all’indirizzo email: conosciamoroma@gmail.com

Diritti degli interessati.
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 13, 1° comma, lett. b, e 2° comma lett. b GDPR). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte all’indirizzo: conosciamoroma@gmail.com

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome
1. Eseguire il Browser Chrome
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Impostazioni
4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Consentire il salvataggio dei dati in locale
• Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
• Impedire ai siti di impostare i cookie
• Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
• Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
• Eliminare uno o tutti i cookie
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox
1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Opzioni
4. Selezionare il pannello Privacy
5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
• Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
• Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
• Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
• Rimuovere i singoli cookie immagazzinati.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer
1. Eseguire il Browser Internet Explorer
2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
• Bloccare tutti i cookie
• Consentire tutti i cookie
• Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6
1. Eseguire il Browser Safari
2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)
1. Eseguire il Browser Safari iOS
2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera
1. Eseguire il Browser Opera
2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
• Accetta tutti i cookie
• Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
• Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati. Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata