Menu

Er cannone der Gianicolo

Prenota la tua visita guidata qui: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi tutto...

Trastevere

E' uno dei ventidue Rioni di Roma. Il più esteso. Una volta veniva definita la Ripa Etrusca. Al di la del fiume sacro...
Ce lo racconta Maurizio. Ad Maiora...

Rione Trastevere

Trastevere che fantastico Rione. Ma cos’è Trastevere, intanto il nome stesso lo identifica geograficamente, è quella parte del territorio di Roma che è “ al di là “ del Tevere, dal latino “ Trans Tiberim “; si perché all’atto della fondazione di Roma la città si estendeva nella zona dei mitici 7 Colli ( Campidoglio, Palatino, Aventino, Esquilino, Viminale, Quirinale e Celio ), dall’altra parte del Tevere c’era la “ Ripa Etrusca “ e cioè il Trans Tiberim. I primi romani lo occuparono militarmente per proteggersi dalle eventuali invasioni etrusche che potevano venire proprio da quella parte; occuparono l’altura alle spalle di quel territorio a cui i romani dettero il nome di “ Ianiculum “ (Gianicolo) appunto perché rappresentava una “ porta “ uscendo dalla quale si usciva dal territorio di Roma, ricordiamo che il Dio Giano era il Dio “ bifronte “ cioè con due facce che guardavano in due parti opposte, ed era, quindi, il Dio che proteggeva gli incroci, le porte e dal quale deriva il nome del mese di Gennaio, appunto perché è il mese di “ confine “ tra il vecchio ed il nuovo anno.
Inizialmente i romani costruirono, appunto per scopi difensivi, un unico ponte di collegamento al Trans Tiberim, il ponte Sublicio, fatto con assi di legno, da qui il nome “Sublicio”, che potevano essere smontate facilmente a fronte di una minaccia nemica, il mito di Orazio Coclite è legato a questo ponte e al tentativo etrusco di invadere il territorio di Roma. Pian piano, durante la Roma Repubblicana, nel territorio di “ Trastevere “ vennero deportati i prigionieri che Roma faceva durante le sue battaglie e, soprattutto, prigionieri provenienti dalle zone del Medio Oriente. Fu così che troviamo vari culti orientali svilupparsi nel nostro territorio, troviamo anche prigionieri provenienti da Gerusalemme dopo le guerre in quel territorio del I Sec. a.C.
Proprio qui troviamo le prime Sinagoghe di Roma, ed ecco perché la più antica presenza ebraica fuori dalla Palestina è a Roma. Altra curiosità del nostro territorio è che essendo fuori dal pomerium, il confine sacro della città di Roma, qui venivano eseguite le condanne a morte degli schiavi o dei cittadini non romani che si macchiavano di pene gravi, ed è a Trastevere, zona del Vaticano, che venne crocifisso San Pietro. Il vecchio territorio di Trastevere non è come lo conosciamo noi oggi, ma andava dalla zona dove oggi c’è ponte Marconi fino a Castel Sant’Angelo, comunque la presenza dell’ aristocrazia romana nel territorio è accertata, Giulio Cesare si era fatto costruire una villa nel territorio prospicente l’attuale gazometro, la famiglia degli Anici aveva proprietà in zona. 
Alla caduta dell’Impero romano Trastevere si popolò di artigiani e di persone che lavoravano per la struttura portuale di Ripa Grande, è, quindi, sempre stato un territorio abitato dalla povera gente, poche erano le famiglie arrichitesi con il commercio che vi abitavano; da Ripa Etrusca passiamo alla Ripa Romea, chiamata così perché i pellegrini che visitavano i luoghi sacri di Roma sbarcavano al porto di Ripa Grande. Fu papa Sisto V che nel 1586 decise di creare il Rione Borgo staccando, quindi, quel territorio da Trastevere; il tutto rimase inalterato fino all’unità d’Italia quando si decise di costruire la via del Re, l’attuale viale Trastevere, per mettere in comunicazione la costruenda stazione Trastevere con il centro di Roma, nella stessa occasione si costruì ponte Garibaldi e via Arenula; la costruzione di viale del Re comportò la distruzione delle vecchie case di Trastevere e si snaturò completamente il Rione, che comunque rimane una delle più belle zone di Roma ricca di storia, di leggende e di ….popolo

M.G..

Leggi tutto...

Riccardo e Maurizio al TG Regione di Rai Tre

Che bella la vostra vicinanza. Via Messenger. Telefonate. Foto inviate tramite Whatsapp. Questa mattina i nostri Maurizio e Riccardo hanno partecipato alla diretta delle 7:30 del TG Regione. Intervistati dalla giornalista Rossella Santilli, hanno detto la loro sulla situazione della statua dedicata a Giuseppe Garibaldi. Da tempo sotto esame della sovrintendenza ai beni culturali, per evidenti danneggiamenti durante un temporale, questa imponente opera che svetta alta sul Colle Giano, colpita da un fulmine ha subito gravi danni. Molto alta la cifra stimata per la sistemazione. Il servizio Rai è stato chiuso con una promessa...una visita guidata una volta ultimati i lavori di restauro. 
Er cannone der Gianicolo. Così si chiama la visita in uno dei luoghi più belli e con un belvedere da togliere il fiato. Ad Maiora...

conosciAmo Roma

Leggi tutto...

Viale dei quattro venti

Siamo sicuri che questa proprio non la conoscete!!!
Viale dei quattro venti. Quante volte ci siete passati ? Magari avete amici in zona Monteverde. Già, perchè ci troviamo in questa zona della città, a due passi da Villa Pamphili, dal Belvedere del Gianicolo. Su questo colle ci trovate molti busti di eroi della Repubblica Romana. Giuseppe Garibaldi con la sua amata Anita, Goffredo Mameli, Anno 1849. Ci stiamo arrivando per gradi, avete già capito? Ok, proseguiamo...
Il 3 Giugno del 1849, guidati dal Comandante Oudinot, migliaia di soldati Francesi, assaltarono Roma proprio dalla parte del Gianicolo. Trovarono a contrastarli soltanto ottanta camicie rosse che resistettero eroicamente e strenuamente, dando il tempo a Garibaldi ed i suoi uomini di arrivare in aiuto; servì a poco è vero, ma quel gesto rimase scritto nella storia. Via dei quattro venti, ricorda questi valorosi soldati. Lo diremo alla francese Via dei " Quatre Vingts ". E' vero, la via è molto ventilata, ma questa volta diamo la precedenza al valore storico di ottanta eroi. Il ricordo è a quei quattro plotoni da venti soldati, ottanta appunto. Uomini valorosi che vanno ricordati, per aver difeso la città. La loro amata città. Ad Maiora...

conosciAmo Roma

Siamo sicuri che questa proprio non la conoscete!!!
Viale dei quattro venti. Quante volte ci siete passati ? Magari avete amici in zona Monteverde. Già, perchè ci troviamo in questa zona della città, a due passi da Villa Pamphili, dal Belvedere del Gianicolo. Su questo colle ci trovate molti busti di eroi della Repubblica Romana. Giuseppe Garibaldi con la sua amata Anita, Goffredo Mameli, Anno 1849. Ci stiamo arrivando per gradi, avete già capito? Ok, proseguiamo...
Il 3 Giugno del 1849, guidati dal Comandante Oudinot, migliaia di soldati Francesi, assaltarono Roma proprio dalla parte del Gianicolo. Trovarono a contrastarli soltanto ottanta camicie rosse che resistettero eroicamente e strenuamente, dando il tempo a Garibaldi ed i suoi uomini di arrivare in aiuto; servì a poco è vero, ma quel gesto rimase scritto nella storia. Via dei quattro venti, ricorda questi valorosi soldati. Lo diremo alla francese Via dei " Quatre Vingts ". E' vero, la via è molto ventilata, ma questa volta diamo la precedenza al valore storico di ottanta eroi. Il ricordo è a quei quattro plotoni da venti soldati, ottanta appunto. Uomini valorosi che vanno ricordati, per aver difeso la città. La loro amata città. Ad Maiora...

conosciAmo Roma

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti (Contatore Histats)

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di trenta giorni.

Cookies
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. Viene utilizzato un cookie persistente solo a seguito di registrazione e riconoscimento utente nell’Area Personale unicamente allo scopo di permettere la fornitura di servizi riservata agli utenti registrati. L’uso dei cosiddetti cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente. Questo sito non utilizza cookie di profilazione.

Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di dati personali attraverso il modulo di registrazione al sito o l’invio di messaggi di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

Il titolare del trattamento.
Titolare del trattamento dei dati raccolti è l’associazione "ConosciAmoRoma" con sede in via delle Sette Chiese, 1921 – 00145 Roma, contattatibile all’indirizzo email: conosciamoroma@gmail.com

Diritti degli interessati.
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 13, 1° comma, lett. b, e 2° comma lett. b GDPR). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte all’indirizzo: conosciamoroma@gmail.com

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome
1. Eseguire il Browser Chrome
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Impostazioni
4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Consentire il salvataggio dei dati in locale
• Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
• Impedire ai siti di impostare i cookie
• Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
• Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
• Eliminare uno o tutti i cookie
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox
1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Opzioni
4. Selezionare il pannello Privacy
5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
• Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
• Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
• Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
• Rimuovere i singoli cookie immagazzinati.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer
1. Eseguire il Browser Internet Explorer
2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
• Bloccare tutti i cookie
• Consentire tutti i cookie
• Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6
1. Eseguire il Browser Safari
2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)
1. Eseguire il Browser Safari iOS
2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera
1. Eseguire il Browser Opera
2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
• Accetta tutti i cookie
• Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
• Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati. Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata