Menu

" Poesia sul ghetto ebraico di giovina tricarico "

Abbiamo passato una bella Domenica per le vie del Ghetto Ebraico. Un popolo antico, i più antichi abitanti di Trastevere, poi trasferitisi nell' attuale Rione S. Angelo. Un popolo segnato da decisioni forti da parte dei Papi governanti. Costretti tra mura di cinta. Il Sabato ad ascoltare messa, anche contro la loro volontà. Tutto questo espresso in rima, dalla bravissima Giovina Tricarico...

" Breve storia de l'ebbrei a Roma "

Crollato er tempio
Se sparsero per monno
Vennero puro a Roma 
Pe diventà na mortitudine.
E fu così che l'ebbrei a Roma 
Dovessero esse rinchiusi in una "bolla".
Er popolo cristiano 
O mejo
Er sacro pontarolo
Ordinò che li stessi
Dovessero esse poveri.
Decretò così la loro ricchezza.
Perché l'ommo andò je viè negato 
Costruisce la forza sua.
E fu così che invece de possedè
Li beni immobiliari ammucchiò l'oro
Ricavato da lì stracci.
E allora n'antro pontarolo
Per invidia
Decise che addovessero ascortà messa.
Li tappi de cera 
Li proteggevano
Da le parole sacre a li cristiani. 
Poi arrivò ed Corso e aprì le porte pe la libertà. 
Rinchiusi n'antra vorta nel recinto solo na breccia a porta pia aprì le porte ar ghetto
De cui rimase solo er nome e i monumenti.

Giovina Tricarico

Leggi tutto...

" Vinum cultura est "

Marcello Soro non è soltanto un nostro grandissimo amico. È un fantastico poeta che appena può ci dedica rime e sonetti. Questa sua creazione, è arrivata per il brindisi dei festeggiamenti per i quattro anni di conosciAmo Roma. Grazie mille Marcello...

" Vinum cultura est "

Furon gli dei Dioniso e poi Bacco
ad elargire a plebe e nobiltà
il nettare prezioso e seducente
che rende ogni lingua più eloquente
e contro ogni dolore è deterrente.
Elargitore di piacere ed allegria
il vino è l’elemento nella Storia
che toglie la tristezza ai cuori e l’apatia
e dona ai muti la capacità oratoria.
Nessuno scritto fu mai fatto
da bevitori d’acqua senza olfatto!

M.S.

conosciAmo Roma

Leggi tutto...

" Ostia antica "

Altra visita per noi, questa volta ad Ostia antica. A raccontare di come siano cambiati i tempi, ma non le problematiche...altra bellissima poesia, di Giovina Tricarico, la nostra amica che ci racconta in rime, della moltitudine di gente che si trovava in strada nell' antica Roma. A casa si tornava soltanto per dormire. Di come a volte l 'immondizia diventava talmente tanta per le vie, che odori nauseabondi rendevano impraticabile la strada. Del pericolo che si correva, se ci si trovava fuori casa dopo una certa ora, la sera si rischiava addirittura la vita in alcuni casi, per pochi sesterzi, per un bracciale d' oro...
Nei versi della nostra portatrice sana di emozioni, si racconta di come non sia cambiata molto poi la situazione, forse sono cambiati alcuni termini, ma non la vita...

" Ostia antica " di Giovina Tricarico

...il suo Blog
https://www.facebook.com/Portatrice-Sana-Di-Emozioni-15537…/

Leggi tutto...

" John Keats "

Tra le tombe più visitate, dentro il Cimitero Acattolico. Quelle di John Keats ed il suo amico fraterno Joseph Severn. Il primo, morto il 24 Febbraio del 1821 a soli 26 anni, fece incidere sulla lapide " Qui, giace uno il cui nome, fu scritto nell' acqua ". In molti vengono a rendere omaggio a questo grande poeta Britannico. Forse, il personaggio più famoso che passò di quì, Oscar Wilde. Durante un viaggio a Roma, in visita al Santo Padre, si racconta che lo videro sdraiarsi proprio qui davanti, mormorando emozionato..." Questo è il luogo più sacro della Terra... " Un luogo magico il Cimitero Acattolico, sotto la Piramide Cestia...

conosciAmo Roma

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS