Menu

Trastevere

E' uno dei ventidue Rioni di Roma. Il più esteso. Una volta veniva definita la Ripa Etrusca. Al di la del fiume sacro...
Ce lo racconta Maurizio. Ad Maiora...

Rione Trastevere

Trastevere che fantastico Rione. Ma cos’è Trastevere, intanto il nome stesso lo identifica geograficamente, è quella parte del territorio di Roma che è “ al di là “ del Tevere, dal latino “ Trans Tiberim “; si perché all’atto della fondazione di Roma la città si estendeva nella zona dei mitici 7 Colli ( Campidoglio, Palatino, Aventino, Esquilino, Viminale, Quirinale e Celio ), dall’altra parte del Tevere c’era la “ Ripa Etrusca “ e cioè il Trans Tiberim. I primi romani lo occuparono militarmente per proteggersi dalle eventuali invasioni etrusche che potevano venire proprio da quella parte; occuparono l’altura alle spalle di quel territorio a cui i romani dettero il nome di “ Ianiculum “ (Gianicolo) appunto perché rappresentava una “ porta “ uscendo dalla quale si usciva dal territorio di Roma, ricordiamo che il Dio Giano era il Dio “ bifronte “ cioè con due facce che guardavano in due parti opposte, ed era, quindi, il Dio che proteggeva gli incroci, le porte e dal quale deriva il nome del mese di Gennaio, appunto perché è il mese di “ confine “ tra il vecchio ed il nuovo anno.
Inizialmente i romani costruirono, appunto per scopi difensivi, un unico ponte di collegamento al Trans Tiberim, il ponte Sublicio, fatto con assi di legno, da qui il nome “Sublicio”, che potevano essere smontate facilmente a fronte di una minaccia nemica, il mito di Orazio Coclite è legato a questo ponte e al tentativo etrusco di invadere il territorio di Roma. Pian piano, durante la Roma Repubblicana, nel territorio di “ Trastevere “ vennero deportati i prigionieri che Roma faceva durante le sue battaglie e, soprattutto, prigionieri provenienti dalle zone del Medio Oriente. Fu così che troviamo vari culti orientali svilupparsi nel nostro territorio, troviamo anche prigionieri provenienti da Gerusalemme dopo le guerre in quel territorio del I Sec. a.C.
Proprio qui troviamo le prime Sinagoghe di Roma, ed ecco perché la più antica presenza ebraica fuori dalla Palestina è a Roma. Altra curiosità del nostro territorio è che essendo fuori dal pomerium, il confine sacro della città di Roma, qui venivano eseguite le condanne a morte degli schiavi o dei cittadini non romani che si macchiavano di pene gravi, ed è a Trastevere, zona del Vaticano, che venne crocifisso San Pietro. Il vecchio territorio di Trastevere non è come lo conosciamo noi oggi, ma andava dalla zona dove oggi c’è ponte Marconi fino a Castel Sant’Angelo, comunque la presenza dell’ aristocrazia romana nel territorio è accertata, Giulio Cesare si era fatto costruire una villa nel territorio prospicente l’attuale gazometro, la famiglia degli Anici aveva proprietà in zona. 
Alla caduta dell’Impero romano Trastevere si popolò di artigiani e di persone che lavoravano per la struttura portuale di Ripa Grande, è, quindi, sempre stato un territorio abitato dalla povera gente, poche erano le famiglie arrichitesi con il commercio che vi abitavano; da Ripa Etrusca passiamo alla Ripa Romea, chiamata così perché i pellegrini che visitavano i luoghi sacri di Roma sbarcavano al porto di Ripa Grande. Fu papa Sisto V che nel 1586 decise di creare il Rione Borgo staccando, quindi, quel territorio da Trastevere; il tutto rimase inalterato fino all’unità d’Italia quando si decise di costruire la via del Re, l’attuale viale Trastevere, per mettere in comunicazione la costruenda stazione Trastevere con il centro di Roma, nella stessa occasione si costruì ponte Garibaldi e via Arenula; la costruzione di viale del Re comportò la distruzione delle vecchie case di Trastevere e si snaturò completamente il Rione, che comunque rimane una delle più belle zone di Roma ricca di storia, di leggende e di ….popolo

M.G..

Leggi tutto...

L' inquinamento a Roma

Si produce molto in questo periodo in casa conosciAmo Roma. Alla fine di questa nostra "Stagione della vita ", avrete una bella notizia, siamo certi che a tantissimi di voi piacerà moltissimo, a noi piace molto. Intanto se volete, il nostro Riccardo ci racconta qualcosa sulla nostra amata città eterna. Buona lettura. Ad Maiora...

L' inquinamento nell' antica Roma

Se siete convinti che ora stiamo combinati male con lo smog, con il riscaldamento globale, toglietevi dalla testa che i nostri avi se la passassero meglio! Anzi...
Passeggiando per le strade di Roma, alziamo la testa e ci rendiamo conto che una cappa di fumo sta quasi per coprire il blu del cielo, il bianco delle nuvole. A proposito, ci troviamo nel primo periodo del II Secolo d. C. nel periodo di maggior espansione della popolazione. A guidare la città era l' Imperatore Traiano. Il fumo aumenta, non riusciamo a resistere; seguiamo la scia per vedere da dove proviene. Arriviamo ad imponenti e maestose Terme. Non entriamo subito, bisogna fare un po di fila, per fortuna non si paga molto, anzi...si paga pochissimo, veramente alla portata di tutti, infatti sono sempre molto frequentate. Uomini, donne, bambini, quest' ultima categoria però non paga, così come i soldati che entrano gratis. Ma perchè seguendo la scia di fumo siamo arrivati fino a qui? Non ci crederete, sotto le terme, un vero e proprio mondo sotterraneo, dove quotidianamente, vengono bruciate quantità indicibili di legna; centinaia di schiavi, sono addetti ad attizzare il fuoco, mantenerlo vivo, perchè quelle fiamme penseranno a riscaldare gli ambienti come il "Calidarium" o i "Laconica", grandi sale dove il vapore arrivava fino a 60°. Delle vere e proprie condotte in muratura, faranno arrivare quel piacevole calore, negli ambienti così amati dai nostri avi. Entriamo, anche noi vogliamo usufruire di tanta meraviglia, con imponenti costruzioni adibite a grandi sale di relax; il primo ambiente che troviamo davanti a noi è uno spogliatoio, c'è la fila, alcuni non ne hanno bisogno, il loro schiavo penserà ad accudire i vestiti, tutto quello che potrebbe essere rubato; già...anche nell' antica Roma si rubava! Questo servizio si paga un po più caro dell' ingresso, la sicurezza ha il suo costo. Apodyterium, così si chiama questo ambiente che ci siamo lasciati alle spalle. Ora veniamo colpiti da una grande piscina dove tutti si rilassano, parlano, fanno affari; è un luogo d' incontro, quasi nessuno nuota, primo perchè l' acqua non è molto alta, secondo perchè i romani non erano dei grandi nuotatori. Ci troviamo nella "Natatio". Uno dei primi luoghi che si incontrano entrando alle terme, una grandiosa piscina scoperta circondata da pareti in marmo policromatico. Ci sono anche bellissime statue, ogni ambiente è rifinito ed esalta il fasto romano della Roma Imperiale. Siamo circondati da centinaia di persone, nelle ore di punta si arriva ad avere anche duemila persone nei vari saloni e piscine.
Da una finestra il nostro sguardo vola fuori, viene colpito dalle scie di fumo che sono diventate ancora più imponenti, una gran via vai nei sotterranei, uomini impegnati nel trasporto di legna che renderà piacevole il nostro soggiorno. La legna viene usata per scaldare, per creare vapori acquei, per illuminare con il fuoco, per cucinare le pietanze. E' un materiale di primissima necessità, anche se in città in alcuni momenti l' aria è veramente irrespirabile. E' il prezzo da pagare, un giorno forse ne pagheremo il conto a madre natura, un giorno...chissà.

R.L.

Leggi tutto...

Passeggiando per il Ghetto

Siete pronti? Oggi si va a passeggio con il nostro "Oracolo"...Maurizio per chi ancora non lo conoscesse, ma nutriamo forti dubbi in merito! Tutto il mondo conosce colui che conosce tutta Roma! L' aria è tersa, la temperatura ottimale, allora forza , gambe in spalla e...buona lettura.

Passeggiando per il ghetto

Siamo nel Rione Sant’Angelo, ho appena finito di estasiarmi davanti al grandioso portale d’accesso del portico di Ottavia. Dall’antica descrizione del ghetto, mi aspetto di trovarmi in un dedalo di viuzze su cui insistono edifici fatiscenti ed invece, vedo edifici del XIX Secolo e vie abbastanza larghe su cui domina la Sinagoga. Ma il vecchio ghetto che fine ha fatto? Partiamo dall’inizio: la comunità ebraica di Roma è la più antica al di fuori della Palestina, i primi ebrei a Roma furono portati come prigionieri dopo le guerre condotte da Pompeo in Palestina a metà del I Sec. a.C. e vennero stanziati a Trastevere dove costruirono le prime Sinagoghe; in seguito, tra il XIII ed il XIV Sec. - migrarono nel Rione Sant’Angelo. La comunità ebraica fino agli inizi del XIII Sec. non ebbe problemi di convivenza con il resto della popolazione, ma tutto cambiò con l’elezione di Innocenzo III Lotario dei conti di Segni che convocò il IV concilio lateranense nel 1216 e sancì che “ gli Ebrei viventi nei paesi Cristiani portino come contrassegno una rotella di stoffa gialla cucita sulla parte sinistra del petto”. Da quel momento per la comunità ebraica iniziò un lunghissimo periodo di persecuzioni. Altra data cardine fu il 1555, anno in cui il Papa Paolo IV Carafa che con la bolla ‘ Cumnimis absurdum ‘ (…‘ Poiché è oltremodo assurdo…’ ) creò un territorio di ristrettissime dimensioni, abitato esclusivamente da ebrei conosciuto come ‘ Serraglio degli ebrei ’. Poi, dalla zona di Venezia limitrofa alla fonderia in cui si effettuava la gettata di metallo fuso e più precisamente il territorio dove vivevano gli ebrei veneziani, nasce il termine ‘ghèto’ che arriverà a noi come ‘ ghetto ’.
Il Pontefice ordinò che il serraglio avesse solamente tre porte d’ingresso, aperte dall’esterno, controllate dalla guardie pontificie. Le condizioni di vita erano disagiate al massimo, non c’erano i muraglioni del Tevere cosi ché le case prospicienti al fiume, erano in balia delle piene, a differenza di chi abitava verso il portico d’Ottavia più tutelato. La vita all’interno era comunque molto dura,tanto da portare alcuni pontefici a costruire altre porte di accesso e, con grande magnanimità anche una fontana subito al di fuori del serraglio ( quella che oggi vediamo spostata a piazza delle 5 scole ), a cui si poteva attingere acqua. Altra crudeltà che gli ebrei fronteggiavano tutelandosi con tappi di cera per le orecchie, era l’imporre loro di ascoltare la messa il sabato, nelle chiese limitrofe al ghetto che erano San Gregorio ai quattro capi, Sant’Angelo in Pescheria e il tempietto del Carmelo, il tutto fino al 1870, anno in cui con l’annessione di Roma, venne distrutto il fatiscente ghetto e venne urbanisticamente creata la zona che vediamo oggi. Nel 1904 è inaugurata la bellissima Sinagoga.

M.G.

Leggi tutto...

La stazione Termini

Maurizio e Riccardo ci fanno compagnia in questi giorni, più che mai. E' la volta del Presidente, che ci racconta una sua avventura tra realtà e fantasia. Proviamo a sognare un po, a dispetto di tutto quello che stiamo vivendo...

In partenza dalla Stazione Termini

Roma non è una città come tutte le altre. Anche quando stai per partire, anche quando hai pochi minuti prima che parta il tuo treno, ti fermi e ti guardi intorno. Che meraviglia! Ci troviamo accanto alle antiche Terme romane di Diocleziano; iniziata la costruzione alla fine del III Secolo, furono inaugurate il 306 d. C. Lo sapete vero, che la Stazione Termini, ha preso il nome proprio dalle vicine Terme di Diocleziano? Servivano i quartieri Esquilino, Quirinale e Viminale ed erano frequentatissime dal popolo. Un intero quartiere venne sbancato, per edificare questa meraviglia che ricalca la forma delle Terme di Caracalla, che a loro volta erano simili a quelle di Traiano; non come grandezza, di gran lunga superiori queste di Diocleziano, erano circa il doppio come vastità dell’ area. Come molti dei monumenti romani che ancora oggi ammiriamo, subirono purtroppo lo stesso attacco e trattamento. Nel corso dei Secoli vennero usate come cave di materiali per costruire altri edifici, si riutilizzavano i pregiati materiali, in altri siti; rimase nella storia il comportamento di Papa Sisto V, che devastò nel vero senso della parola gran parte della struttura, per riutilizzare marmi ed altro, nella costruzione della sua Villa sull’ Esquilino. Parliamo degli anni che andavano dal 1586 al 1589. Non è una novità per noi; quante volte vi abbiamo raccontato dei veri e propri saccheggi di materiali pregiati, da parte di grandi famiglie nobiliari, vedi i Barberini che vengono nominati nel famoso detto “ Dove non arrivarono i Barbari, arrivarono i Barberini “. Anche lo stesso simbolo di Roma, l’ Anfiteatro Flavio…il Colosseo, una volta era completamente rivestito di travertino, poi usato per abbellire altre costruzioni di Pontefici che venivano eletti, anche la maestosa Basilica di San Pietro in Vaticano rientra in questa lista. Torniamo nelle nostre bellissime Terme, ora in parte visitabili…anche entrando nella vicina chiesa di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri; pensate un po, qui vi sareste trovati nel “Frigidarium” della struttura, la zona fredda. Per i lavori di adattamento a chiesa, fu chiamato un grande artista dal nome antisonante…Michelangelo.
Era il 1560 quando si decise al riuso di questo ambiente. Dopo pochi anni, Michelangelo Buonarroti morirà. ( Roma 18 Febbraio 1564 ). Noi ora usciamo, il nostro treno sarà sicuramente partito, ma che importa, prenderemo il prossimo, avendo ancora negli occhi e nella mente tanta bellezza, meraviglia, arte. Roma non è una città come tutte le altre.

R.L.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti (Contatore Histats)

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di trenta giorni.

Cookies
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. Viene utilizzato un cookie persistente solo a seguito di registrazione e riconoscimento utente nell’Area Personale unicamente allo scopo di permettere la fornitura di servizi riservata agli utenti registrati. L’uso dei cosiddetti cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente. Questo sito non utilizza cookie di profilazione.

Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di dati personali attraverso il modulo di registrazione al sito o l’invio di messaggi di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

Il titolare del trattamento.
Titolare del trattamento dei dati raccolti è l’associazione "ConosciAmoRoma" con sede in via delle Sette Chiese, 1921 – 00145 Roma, contattatibile all’indirizzo email: conosciamoroma@gmail.com

Diritti degli interessati.
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 13, 1° comma, lett. b, e 2° comma lett. b GDPR). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte all’indirizzo: conosciamoroma@gmail.com

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome
1. Eseguire il Browser Chrome
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Impostazioni
4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Consentire il salvataggio dei dati in locale
• Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
• Impedire ai siti di impostare i cookie
• Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
• Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
• Eliminare uno o tutti i cookie
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox
1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Opzioni
4. Selezionare il pannello Privacy
5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
• Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
• Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
• Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
• Rimuovere i singoli cookie immagazzinati.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer
1. Eseguire il Browser Internet Explorer
2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
• Bloccare tutti i cookie
• Consentire tutti i cookie
• Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6
1. Eseguire il Browser Safari
2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)
1. Eseguire il Browser Safari iOS
2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera
1. Eseguire il Browser Opera
2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
• Accetta tutti i cookie
• Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
• Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati. Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata