Menu

Maurizio...e la suora!

Oggi ci facciamo due risate...ma andiamo per gradi! Il termine "suora" deriva dal latino sörör, sororis...cioè sorella, ma forse lo sapevate già. A differenza delle monache, non vivono uno stato di clausura ma sono molto attive, si occupano principalmente di assistenza ad anziani ed ammalati, oppure investono le loro energie nell' educazione cristiana delle giovani generazioni; vi starete chiedendo, il nostro "Oracolo" non appartiene a nessuna delle tre categorie sopra menzionate! È vero. Ai tempi Riccardo e Maurizio stavano per entrare con un corposo gruppo in una delle quattro Basiliche Papali della città eterna, Santa Maria Maggiore, nel cuore di Roma. Le chiese principali sono sempre, diciamo problematiche, sia per un matrimonio imprevisto, un rosario particolare, insomma, i piani per visitare questi luoghi meravigliosi, potrebbe saltare facilmente. Prima di entrare con tutto il gruppone, il nostro Riccardo entra per controllare che sia tutto ok, il tempo di riuscire e dare via libera a Maurizio, che si trova davanti questa scena, magistralmente impressa in digitale da Fabrizio! La nostra ancella, protagonista di un accaldato rimprovero..." Lei non fa entrare i fedeli in chiesa " ammonisce la suora, con un attonito e sgomento Maurizio, che mai avrebbe immaginato tale accusa...noi che di fedeli, nelle chiese più belle e citate su libri sacri, ne avremo portati a migliaia da qualche anno a questa parte. Insomma, gli imprevisti sono sempre in agguato, lo sappiamo...ma una suora così agguerrita ed accalorata, non ci era mai capitata. 
Quante simpatiche e particolari storie durante le nostre passeggiate romane. Ad Maiora...

conosciAmo Roma

Leggi tutto...

Una notte da Papi

Il nostro caro Presidente, ultimamente fa sogni particolari, diciamo...in grande. Riccardo in questo post, viaggia in uno spazio temporale ben definito, raccontandoci aneddoti e curiosità che forse già sapete. Buona lettura.

Una notte da…Papi.

Mi capita spesso di sognare ultimamente. Ma questa volta ho superato veramente ogni record. Non ho mai approfondito molto questa mia particolarità, ma vivere un sogno che mi portasse a relazionarmi con grandi personaggi della storia, dico la verità, sarei rimasto volentieri dentro a quel fantastico mondo. Inizia tutto nel 1471 e va avanti per tredici anni, compressi in pochi minuti; sono Francesco Della Rovere, ma una volta eletto diverrò Papa Sisto IV. Vi è mai capitato di trovarvi ad incentivare la realizzazione di una meraviglia che milioni di visitatori ogni anno apprezzano dopo ore di estenuante fila? La Cappella Sistina, fino ad allora Cappella Palatina, vedrà l’ inizio dei lavori grazie a me, con artisti definiti “Quattrocentisti” che la faranno diventare un luogo unico, il fulcro della Cristianità nel mondo; arriverà ad arricchirla con il suo talento un giovane artista di nome Michelangelo. Avete mai visitato la Sistina dentro i palazzi Vaticani? Se la risposta è no fatelo, al più presto! A proposito, lo sapete che esiste una Cappella Sistina anche a Savona, accanto alla Cattedrale, sepolcro dei miei genitori? Non dimenticate, io sono il 212° Papa della chiesa Cattolica, sono Sisto IV. Quello del ponte, lo conoscete ponte Sisto, quello che feci restaurare per facilitare il passaggio dalla riva sinistra alla destra, ai pellegrini in arrivo nella Città Santa. Erano diretti alla Basilica di San Pietro. In un attimo faccio un viaggio temporale di una ventina d’anni e divento mio nipote, cioè il nipote di Francesco Della Rovere; ora sono Papa Giulio II, Giuliano Della Rovere. Dieci anni di pontificato, dal 1503 al 1513. Pensate che mi toglierò la soddisfazione di fondare i Musei Vaticani, sarò io a dare il là alla costruzione della nuova Basilica di San Pietro in Vaticano, dal 1506 in poi; che gusto che mi diede assoldare uno dei più grandi del Rinascimento Italiano. Michelangelo Buonarroti. Farò in modo che si portino avanti i lavori dentro la Cappella Sistina, il Buonarroti per la prima volta nei panni di pittore, dovrà abbellire la volta, coadiuvato da suoi validi collaboratori fiorentini. Ci vorranno quattro anni, dal 1508 al 1512. Diventerà un simbolo dei Palazzi Vaticani, nel mondo intero. Michelangelo tornerà dopo tanti anni in questi ambienti, il Giudizio Universale lo aspetta. La Pontificia Guardia Svizzera. Anche questa nel 1506, sarò io a volerla, con forza. Mi sarei fermato volentieri qui, secondo me nel periodo più bello e di maggior estro da parte degli artisti dell’ epoca. Il Rinascimento cambierà per sempre il volto di questa città, da allora diventerà un simbolo…la città eterna. Ora sono nel 1555. Anno nefasto per gli ebrei. Arriva Gian Pietro Carafa, Papa Paolo IV. Con lui terminerà la tolleranza che fino ad allora la chiesa aveva verso gli ebrei; una “Bolla Papale” istituirà il cosiddetto “Serraglio degli ebrei“. “Cum Nimis Absurdum“…poiché è assurdo, che gli ebrei abbiano gli stessi nostri diritti, passeggino tranquillamente in strada…poiché è assurdo! Incredibile. Inizierà una delle più grandi repressioni verso un popolo da parte della Chiesa Cattolica. Rinchiusi dentro un vero e proprio ghetto, controllati quando uscivano e quando entravano; dovevano essere riconoscibili ed identificabili. Costretti a partecipare alle messe, nella chiesa di San Gregorio ai quattro capi, davanti ponte Fabricio, anche detto appunto “ Pons Judaeorum “, uno dei ponti che collega la terra ferma alla meravigliosa Isola Tiberina, l’ altro è ponte Emilio, dal lato verso Trastevere. Mi sveglio. Dopo un viaggio a contatto con i grandi dell’ arte, mi devo alzare, rapidi preparativi, inizio a lavorare ad una nuova passeggiata. Forse sarà proprio la “Roma dei Papi”…chissà?Quanto è bella la mia città, quanta magia nella sua millenaria storia.

R.L.

Leggi tutto...

Ci mancate!!!

Ebbene si. Ci mancate immensamente! Dopo anni di emozioni vissute insieme, passeggiate alla scoperta della nostra meravigliosa città. Ci mancano gli "atavici", così come ci manca l' ultima iscritta sul nostro registro associati. I ragazzi della Sonica, sempre gentili e disponibili con noi per il noleggio delle audioguide. Aurora e la sua fantastica "Scuola Eureka". I poeti, sempre pronti e spiritosi. Le ricognizioni per organizzare visite nuove, il Tevere, i sette colli, le Basiliche, fulcro sacro della città eterna. Le dirette mattutine con il Tg Regionale con la super giornalista Rossella Santilli. Ci mancate, sappiatelo...compratevi scarpe comode, finito tutto metteremo alla prova la vostra resistenza. Buona quarantena a tutti. #Noistiamoacasa

conosciAmo Roma

Leggi tutto...

L' Egitto a Roma

Siete pronti a passeggiare con noi? Anzi, per dirla tutta, oggi seguiremo Maurizio e Fabrizio, il nostro reporter delle passeggiate culturali. Il prezioso "Oracolo" Maurizio, vedrebbe così, un sopralluogo nella Roma egizia. Buona lettura. Ad Maiora...

L’Egitto a Roma

Fabrizio mi chiede :” Maurizio, ma quel piedone in mezzo alla strada cos’è?” ed io :” ma quale piedone?”; mi volto, lo vedo e gli rispondo :” ah quello!.. è il così detto ‘Piè di Marmo’. Vedi, qui siamo dove sorgeva uno dei più grandi templi di Roma dedicato ad Iside e Serapide, due divinità importate dai romani a seguito della conquista dell’Egitto e proprio qui siamo in quello che i romani conoscevano come ‘Iseo Campense’; il nome deriva del fatto che il tempio sorgeva nel Campo Marzio e quel piede apparteneva ad una delle tante statue che lo decoravano. 
Una curiosità legata al ‘Piede’ è che prima si trovava in via Piè di Marmo e poi è stato spostato dove lo vediamo ora in via santo Stefano del Cacco per consentire il passaggio del corteo funebre che trasportava la salma del Re Vittorio Emanuele II dal palazzo del Quirinale al Pantheon, dove è tutt’ora sepolto. Il l’area dell’Iseo Campense era molto vasto 240X60 metri, i confini andavano dall’attuale chiesa di Santo Stefano del Cacco, dov’era il tempio, via di Sant’Ignazio, piazza di San Macuto, via del Seminario per poi ritornare, all’altezza di via delle Paste, verso via Piè di Marmo; ora lungo questo confine, troviamo la parte posteriore della biblioteca Casanatense e la chiesa di Santa Maria sopra Minerva. ‘Piè di Marmo’, che attualmente dicevamo si trova in via Santo Stefano del Cacco ossia nella zona prospiciente piazza del Collegio Romano, guarda la strada leggermente in salita e che, come tante altre collinette nel Campo Marzio, ha nel sottosuolo, resti di quello che era parte del tempio. Alla fine della salita, troviamo la chiesa di Santo Stefano del Cacco la cui parola Cacco deriva dal ritrovamento di una statua appartenente al Dio Toth, sotto forma di cinocefalo, che i romani del medioevo hanno scambiato per una scimmia, un macaco per la precisione, e dalla deformazione di macaco deriva la parola Cacco!!!
Molte cose che vediamo a Roma provengono da quest’area come i leoni alla base della Cordonata che porta al Campidoglio, i due leoni che decorano la Fontana dell'acqua Felice (angolo via XX settembre) e in Piazza San Marco la cosiddetta ‘Madama Lucrezia’, - che sembri rappresenti Iside o una sua sacerdotessa- una delle statue parlanti a cui il popolino oppresso dal potere dei Papi, affidava i fogli scritti delle proprie proteste.…E che dire della statuetta di una gatta in marmo murata sul primo cornicione all'angolo di palazzo Grazioli? Il palazzo si trova sull'omonima piazza Grazioli, e la statuina dà il nome a via della gatta.
Dall'Iseo e Serapeo Campense provengono inoltre gli obelischi di Piazza della Rotonda (la Piazza del Pantheon), Piazza della Minerva, Piazza dei Cinquecento e probabilmente anche l’obelisco di piazza Navona a Roma ed anche quelli portati nel XVIII secolo a Firenze ed Urbino.
Insomma Fabrizio, come puoi ben vedere, anche dietro un semplice piede di una statua c’è parte della storia di Roma”; il mio amico mi guarda come per dire :” ma io ti avevo chiesto solamente cos’era quel piede, non la storia intera di Roma!...ahò nun te se po’ chiede proprio niente a te………”

M.G.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti (Contatore Histats)

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di trenta giorni.

Cookies
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. Viene utilizzato un cookie persistente solo a seguito di registrazione e riconoscimento utente nell’Area Personale unicamente allo scopo di permettere la fornitura di servizi riservata agli utenti registrati. L’uso dei cosiddetti cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente. Questo sito non utilizza cookie di profilazione.

Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di dati personali attraverso il modulo di registrazione al sito o l’invio di messaggi di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

Il titolare del trattamento.
Titolare del trattamento dei dati raccolti è l’associazione "ConosciAmoRoma" con sede in via delle Sette Chiese, 1921 – 00145 Roma, contattatibile all’indirizzo email: conosciamoroma@gmail.com

Diritti degli interessati.
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 13, 1° comma, lett. b, e 2° comma lett. b GDPR). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte all’indirizzo: conosciamoroma@gmail.com

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome
1. Eseguire il Browser Chrome
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Impostazioni
4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Consentire il salvataggio dei dati in locale
• Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
• Impedire ai siti di impostare i cookie
• Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
• Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
• Eliminare uno o tutti i cookie
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox
1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Opzioni
4. Selezionare il pannello Privacy
5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
• Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
• Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
• Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
• Rimuovere i singoli cookie immagazzinati.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer
1. Eseguire il Browser Internet Explorer
2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
• Bloccare tutti i cookie
• Consentire tutti i cookie
• Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti.
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6
1. Eseguire il Browser Safari
2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)
1. Eseguire il Browser Safari iOS
2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera
1. Eseguire il Browser Opera
2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
• Accetta tutti i cookie
• Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
• Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati. Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata